Skincare routine, perchè è importante eseguire quella giusta

Al giorno d’oggi la skincare routine non è più solo un modo per curare la nostra pelle ma è diventata un vero è proprio rituale, un ’occasione per prenderci cura di noi stesse, per amarci e farci sentire meglio.
Avere un aspetto radioso, curato e fresco ci fa sentire più sicure e allo stesso tempo aumenta la consapevolezza e la determinazione di noi stesse nel rapporto con gli altri.
Per far sì che la nostra pelle sia esattamente come la desideriamo abbiamo però bisogno della skincare routine più adatta alle nostre esigenze. Questa infatti cambia in base alla nostra età e alla nostra tipologia di pelle che può essere giovane o matura, oppure mista/grassa, secca o normale.
Ecco perché conoscere la propria pelle è il primo step per capire quali sono i passaggi e i prodotti cosmetici più adatti a noi. 

 

Skincare Under 30, come prendersi cura della pelle giovane


Perché è importante prendersi cura della propria pelle fin da subito?

Come dice il detto: “prevenire è che meglio che curare”.


Non esiste un’età giusta per iniziare a prendersi cura della propria pelle, anzi prima si comincia meglio è, naturalmente utilizzando i prodotti più adatti ai propri anni. Le pelli giovani infatti hanno esigenze diverse rispetto a quelle che si hanno a trenta/quaranta anni ed iniziare fin da subito a prendersi cura di se stesse e della propria pelle ci farà arrivare meglio all’età più adulta quando i segni del tempo diventano più ostili. 

È consigliato intervenire con prodotti più specifici dai 25 anni di età quando la pelle inizia a perdere la propria elasticità e iniziano a comparire le primissime linee di espressione.

 

Per eseguire una corretta skincare routine e scegliere i prodotti adatti è importante conoscere la propria pelle.  Vediamo insieme quali sono le peculiarità dei principali tipi di pelle, quelli che si possono riconoscere a un primo sguardo e che determinano quale tipologia di prodotti è bene utilizzare.

 

Caratteristiche pelle mista

  • eccesso di sebo localizzato;
  • sensazione di pelle che tira;
  • colorito non omogeneo;
  • grana della pelle irregolare e sporadiche imperfezioni.

Caratteristiche pelle grassa

  • Alla vista molto lucida
  • Al tatto molto oleosa, soprattutto sul mento sulla fronte e sul naso.
  • Presenza di punti neri, dovuta alla dilatazione dei pori.
  • Presenza di punti neri, dovuta alla dilatazione dei pori. 

Caratteristiche pelle secca

  • non produce sebo a sufficienza
  • si presenta sottile e dal colorito spento
  • é più sensibile
  • La texture è ruvida e i segni d’espressione si accentuano in modo significativo

Gli step fondamentali per una corretta skincare routine


Dopo aver analizzato insieme le diverse tipologie di pelle, è tempo di scoprire i consigli per una migliore beauty routine per ognuna di queste.

Andando con ordine il primo step da eseguire è quello della detersione. 

Ogni mattina e ogni sera dobbiamo infatti detergere e pulire a fondo la nostra pelle, per eliminare ogni traccia di trucco e inquinamento.
A seconda della tipologia di pelle si possono utilizzare prodotti specifici.

 

  • Per le pelli grasse sono sconsigliati prodotti a base oleosa o bifasici, mentre sono più indicati detergenti a base di acqua termale come l’acqua micellare. È consigliato anche l’utilizzo di uno scrub, utile per eliminare le cellule morte, depurare i pori, stimolare la rigenerazione cellulare, la produzione di collagene e la circolazione sanguigna. Si può concludere la fase detersione con il tonico, essenziale per tonificare il viso, eliminare tracce grasse o di trucco ed equilibrare il suo PH.
  • Per le pelli secche e sensibili invece sono consigliati prodotti a base oleosa, questi infatti consentono di detergere in profondità la pelle e allo stesso tempo di idratare evitando l’insorgere di rossori, screpolature o irritazioni. 

 

Il secondo step è l’idratazione, fondamentale per prevenire l’invecchiamento cutaneo che inizia a svilupparsi dal venticinquesimo anno di età.
Le pelli grasse, caratterizzate da un film idrolipidico protettivo più spesso, sviluppano i primi segni del tempo più tardi rispetto a quelle secche. 

Anche in questo caso bisogna scegliere i prodotti adatti alla tipologia di pelle.

 

  • Per quanto riguarda le pelli grasse sono consigliate creme con una texture leggera a base acquosa oppure sieri o gel che non appesantiscano la pelle del viso ma che assicurino la giusta idratazione e che siano sebo-regolatori, per un effetto anti lucido.

 

  • Per le pelli secche invece è necessario applicare prodotti molto nutrienti, idratanti e protettivi. Esistono infatti prodotti idrofili che attraggono acqua verso la pelle, gli umettanti che aiutano la pelle a trattenere acqua, e i prodotti idrofobici che limitano l’evaporazione dell’acqua creando una pellicola sulla superficie della pelle.

 

Ultimo step: il contorno occhi, che dai 25 anni diventa il nostro nuovo alleato di bellezza. 

La zona del contorno occhi infatti è una zona molto delicata nella quale appaiono i primi segni di espressione. I motivi sono molteplici, per qualsiasi espressione di un’emozione i muscoli del contorno occhi sono i primi a muoversi, inoltre è una zona dove la pelle è molto sensibile e non ci sono ghiandole sebacee, rimane quindi molto più secca rispetto ad altre parti del viso.

Bisogna per questo optare per un prodotto a parte rispetto alla creme che si utilizzano per il resto del viso. Il contorno occhi deve infatti essere trattato con creme o gel che contengono sostanze lenitive o ipoallergeniche. Per le pelli giovani sono particolarmente indicate creme a base di vitamine e ceramidi, sostanze che proteggono la pelle e la rendono idratata. 

 

Per completare la perfetta beauty routine è buona abitudine applicare un siero che oltre a nutrire il viso lo prepara a ricevere i futuri trattamenti. La scelta del siero dipende anch’essa dalla tipologia di pelle ma un ingrediente super valido che non può mancare è la vitamina C.  

 

Infine l’applicazione di una buona maschera una volta a settimana non farà altro che nutrire più intensamente e più in profondità la nostra pelle.

 

Non dimentichiamoci mai, soprattutto quando facciamo una beauty routine mattutina, di applicare la crema solare per proteggere la nostra pelle dagli effetti dannosi dei raggi UV. Il sole è una delle principali cause dell’invecchiamento cutaneo, è quindi fondamentale proteggere la nostra pelle da questo per evitare di provocare danni che saranno più evidenti in età più avanzata. 

 

Prendersi cura di se stesse nel modo giusto e con cosmetici mirati sin da giovane, preservera’ sicuramente la pelle del viso per avere un aspetto piu’ giovane per piu’ tempo! Non aspettare che il tempo segni il tuo viso, agisci ora e preserverai il tuo capitale di giovinezza molto più a lungo.

Epilazione definitiva: è possibile eseguire il trattamento durante l’estate?

La risposta è: è possibile.

Con l’arrivo dell’estate, in molti pensano di dover interrompere le sedute o di non poter iniziare un nuovo percorso di epilazione definitiva, poiché questo potrebbe compromettere la possibilità di abbronzarsi in totale libertà al mare o in piscina.
In realtà, è possibile iniziare o continuare il proprio trattamento di epilazione definitiva, seguendo alcuni accorgimenti.
Noi di epìLate mettiamo la sicurezza dei nostri clienti al primo posto e per questo abbiamo creato, insieme al team medico interno, un protocollo ad hoc che le nostre operatrici specializzate eseguono sulla pelle abbronzata.

 

Epilazione definitiva in estate: consigli da mettere in pratica prima e dopo la seduta 

Come abbiamo detto, il trattamento di epilazione definitiva può essere eseguito durante la stagione estiva, seguendo però qualche accorgimento:

  • Nei giorni che precedono la propria seduta di epilazione definitiva, è necessario proteggere la pelle dai raggi solari applicando la protezione solare 50+  nel caso ci si esponga al sole. La protezione della pelle e della zona che si vuole trattare deve avvenire anche in caso di esposizione non diretta al sole (come nel caso di brevi passeggiate) e soprattutto quando ci si espone al mare, in piscina o in montagna. In caso contrario, è necessario posticipare la seduta di 30 giorni.

  • dopo una seduta di epilazione definitiva occorre attendere almeno 2 giorni prima di esporsi nuovamente al sole, ricordando sempre di proteggere la pelle con la protezione solare 50+;

  • nei giorni successivi alla seduta la pelle potrebbe risultare più sensibile agli agenti esterni, pertanto è importantissimo nutrirla a fondo e proteggerla preferendo prodotti ricchi di nutrienti e privi di alcool;

  • nel caso in cui la pelle sia molto abbronzata, è possibile procedere alla seduta solo se l’esposizione al sole è avvenuta applicando correttamente la crema solare con fattore di protezione 50+;

  • prima di ogni seduta, comunicare con l’operatrice specializzata epìLate di riferimento in modo trasparente e sincero, nel caso ci sia stata un’esposizione prolungata ai raggi del sole. Le operatrici specializzate sapranno indicare delle tempistiche esatte per poter riprendere il proprio trattamento di epilazione definitiva. 

Trattamento di epilazione definitiva in sicurezza

Il protocollo utilizzato in epìLate per eseguire il trattamento di epilazione definitiva su pelli abbronzate ha come scopo la sicurezza dei clienti. Per questo effettuiamo consulenze e check-up periodici delle zone trattate; inoltre abbiamo abbiamo sempre a disposizione un Team specializzato di medici e dermatologi a cui è possibile fare riferimento durante tutto il proprio percorso di epilazione definitiva.
Come visto nel paragrafo precedente è possibile proseguire o iniziare il trattamento di epilazione definitiva anche in estate, pur con le dovute accortezze. Tuttavia, vista la naturale e costante esposizione della pelle ai raggi solari durante il periodo estivo, è preferibile svolgere le sedute di epilazione definitiva lontano dai periodi di forte esposizione. 

 

Qual è il miglior metodo per eliminare definitivamente gli odiati peli?

Capire qual è il metodo migliore per eliminare i peli superflui non è così semplice, in quanto in commercio esistono varie tecnologie ed i macchinari presenti sul mercato sono numerosi (per esempio la tecnologia SWT, quella laser o la luce pulsata).

Risulta pertanto difficile comprenderne le differenze ed il valore aggiunto di ognuna di esse, se non se ne conoscono le caratteristiche.

La maggior parte dei centri estetici promettono l’eliminazione definitiva dei peli, pelle liscia e senza bruciature. Spesso, purtroppo, questi risultati sono solo promesse.

Affidarsi ad esperti veri che dispongono della migliore tecnologia, di un macchinario di alta qualità e di un personale altamente formato è indispensabile per ottenere risultati efficaci in totale sicurezza.

 

eliminare-i-peli-tecnologia-SWT

 

Per questo motivo abbiamo deciso di mettere a confronto la tecnologia SWT (brevettata dalla multinazionale Ellipse by Candela, leader nella produzione di macchinari medicali, e di cui epìLate ha

uso esclusivo in Italia) con i diversi tipi di trattamenti presenti sul mercato.

In questa indagine sono stati individuati 4 punti fondamentali, che ti invitiamo a tenere in considerazione quando dovrai scegliere il centro a cui affidarti per effettuare il trattamento di epilazione definitiva dei peli.

Vediamoli in dettaglio.

 

  • TEMPERATURA COSTANTE

 

Durante il trattamento, la maggior parte delle tecnologie di epilazione definitiva lavorano dentro al follicolo pilifero a temperature oscillanti.

EpìLate grazie alla sua tecnologia penetra all’interno del follicolo lavorando a 70° gradi, a temperatura costante per tutta la durata dell’impulso. Questo significa che dal momento in cui la luce penetra all’interno del follicolo pilifero, la sua temperatura rimane costante durante tutto il trattamento, dando vita ad un impulso quadrato.

In più 70° è la temperatura che consente di distruggere definitivamente le cellule germinative del pelo, senza alcun rischio di scottature o eventuali complicazioni.

 

 

epilate-blog-eliminare-i-peli-miglior-metodo

 

 

 

  • SICUREZZA

 

Altro punto di forza della tecnologia SWT è la sicurezza dell’operazione data dal doppio filtro brevettato, che annulla i rischi di effetti secondari. Questo doppio filtro è composto da:

un filtro ad acqua, che mantiene la pelle ben idratata, durante tutta la durata del trattamento, evitando, così, importanti scottature;

un filtro rosso, che protegge i tessuti agendo esclusivamente sulla melanina del pelo, che assorbe l’energia e la trasforma in calore.

 

  • FOTOTIPI SCURI E PELO CHIARO

 

La maggior parte delle tecnologie di epilazione definitiva richiedono un forte contrasto tra fototipo e pigmento del pelo.

La tecnologia SWT, invece, è caratterizzata da un luce policromatica, che consente di trattare con estrema efficacia diversi fototipi, in quanto non richiede un forte contrasto tra pelle e pelo. L’importante è che il pelo abbia sufficiente pigmento per trasformarsi, una volta lanciato l’impulso, in conduttore di calore. Per tale motivo non vengono trattati peli bianchi, tinti o di colore rosso.

Prima di iniziare il trattamento, si procede con l’anamnesi della pelle e del pelo. Tramite prove di impulsi si identifica il tipo di pelle e il tipo di pelo.

La certezza ed il risultato del trattamento derivano proprio da questo: non tutti i clienti sono uguali, non tutti i clienti hanno le stesse necessità. In più, nei nostri centri epìlate, un team medico specializzato è sempre a disposizione e segue tutte le varie fasi del trattamento.

 

epilazione-definitiva-fototipi-scuri-pelo-chiaro

 

  • Il GIUSTO NUMERO DI SEDUTE PER UN RISULTATO CERTO

 

Quante sedute sono necessarie per ottenere un risultato definitivo? La maggior parte delle tecnologie propone cicli da 10 sedute minimo, la tecnologia SWT garantisce il risultato finale con 6 o 8 sedute, a seconda del tipo di pelo e della pelle del soggetto sottoposto al trattamento.

In più la riduzione dei bulbi piliferi attivi è pari al 95%. Il rimanente 5% è dovuto alla crescita non simultanea dei peli su una singola zona e ad un rallentamento (atrofizzazione temporanea) di questa piccola percentuale di bulbi.

 

Speriamo che questa nostra analisi ti sia di aiuto per orientarti nella scelta della migliore tecnologia per il tuo trattamento di epilazione definitiva.

Nel caso tu abbia ancora qualche dubbio o incertezza, ti invitiamo a visitare uno dei nostri centri.

Le nostre operatrici saranno liete di rispondere a tutte le tue domande e, nel caso di esigenze più specifiche, potrai anche avvalerti dell’assistenza clinica totalmente gratuita che il nostro centro mette a disposizione di ogni cliente prima, durante e dopo il trattamento.

 

Scommetti su un trattamento di epilazione definitiva sicuro per un risultato efficace e garantito. PRENOTA LA TUA PROVA GRATUITA e inizia con noi il trattamento,prenotare-prova-gratuitae scegli il centro più vicino a te!

 

 

Perché fa male depilarsi con la ceretta?

La ceretta è, tuttora, uno dei metodi più utilizzati per eliminare dal corpo i peli superflui. In commercio esistono vari tipi di ceretta, a caldo o a freddo, per pelli sensibili, studiate per ridurre al minimo il trauma dello “strappo del pelo”. Infatti, a differenza di altre tecniche come le creme depilatorie o l’uso del rasoio, che semplicemente tagliano il pelo, la ceretta lo “estirpa”, creando un micro trauma a livello dell’epidermide.

 

La ceretta è dunque un metodo di depilazione aggressivo, che

  • coinvolge tutta l’epidermide della zona interessata, agendo non solo sul pelo
  • può provocare irritazioni cutanee, soprattutto in certe zone più delicate come il viso o inguine.

 

E poi… vi è il dolore che si sente al momento dello strappo!

 

Se la pelle è particolarmente delicata lo strappo della ceretta può causare una leggera abrasione della pelle stessa, con conseguente arrossamento.

Ecco perché la ceretta è sconsigliata in caso di problemi di fragilità capillare o di flebiti e vene varicose: i capillari sottili potrebbero facilmente rompersi.

I suoi benefici, inoltre, sono solo temporanei ed è un’operazione che va ripetuta almeno ogni 3 /4 settimane per avere davvero una pelle liscia per diversi giorni.

 

Risolvere il problema dei peli una volta per tutte e senza danneggiare la propria pelle è la ragione che spinge sempre più persone ad interessarsi all’epilazione definitiva.

Ma che cos’è l’epilazione definitiva? E poi potrebbe avere delle controindicazioni a lungo termine sul nostro organismo?

Di ciò e di molto altro parleremo nel nostro prossimo articolo, dove confronteremo con metodo analitico le varie tecnologie e i differenti macchinari usati per l’epilazione definitiva.

 

Nel frattempo, se l’epilazione definitiva ti incuriosisce, ti invitiamo a visitare uno dei nostri centri e magari puoi anche Prova-gratuita-epilazione-definitiva

della nostra esclusiva tecnologia SWT!

 

 

Se sei amante di Halloween… LEGGI!

Welcome to the Trick or Treat season!

Sebbene molti non siano favorevoli a festeggiare Halloween perché la considerano una festa tenebrosa e relazionata più agli Stati Uniti e non tanto al nostro paese, molti altri invece sono attratti dallo sconosciuto e da tutto ciò che sia terrificante, quindi sono innamorati persi di questa giornata.

Anche se tradizionalmente non è una festività nostra, la paura non conosce culture, è uguale dappertutto. Ma perché molti ne sono attratti? Diciamo che si tratta di un metodo di difesa che si attiva automaticamente quando ci sentiamo in pericolo. Inizialmente si produce uno stato di massima euforia e successivamente dopo pochi secondi diventa adrenalina pura.

Sicuramente ricordi quei momenti in cui sei al parco divertimenti in fila per le montagne russe e ti domandi continuamente “cosa ci faccio qui?” e poi dopo averle provate vorresti ripetere altre mille volte. Ecco. Se hai provato almeno una volta questa sensazione, sicuramente farai parte del gruppo di persone che ama questa giornata e sarai felice di leggere queste 3 curiosità su HALLOWEEN:

La città di Boston ha vinto il record per il numero più alto di zucche accese contemporaneamente: 30128.

epilate-blog-Se-sei-amante-di-Halloween-1

Negli Stati Uniti esistono rifugi di animali che proibiscono l’adozione dei gatti neri durante il mese di ottobre.

epilate-blog-Se-sei-amante-di-Halloween-3

La zucca, simbolo della festività, ha tantissimi benefici per la pelle: la rende più luminosa e aiuta a combattere i segni del tempo.

epilate-blog-Se-sei-amante-di-Halloween-2

Happy Haloween everybody!

 

L’autunno e i capelli: piccoli consigli

Non c’è da spaventarsi per la caduta autunnale dei capelli però… CURIAMOLI!

Dopo l’estate, il mare, il cloro delle piscine e l’esposizione ai raggi solari, i nostri capelli sono sostanzialmente indeboliti e ogni mattina quando ci prepariamo per uscire di casa, ci spaventiamo perché la spazzola ne è piena.

Definitivamente, l’autunno è quella stagione nella quale non solo cadono le foglie ma anche molti dei nostri capelli. Sappiamo che può essere fastidioso MA… non dobbiamo ossessionarci con la caduta: si tratta di un processo completamente naturale, la tua chioma ha bisogno di rigenerarsi!

Nonostante ciò, esistono una serie di trucchi per evitare l’indebolimento del follicolo e che esso possa ottenere tutti i nutrienti necessari per il resto della chioma.

Ecco i nostri 3 semplicissimi consigli:

1.

 

ALIMENTAZIONE: Incorporare buone abitudini alimentari aiuta tantissimo la salute della nostra chioma e alla nostra salute in generale. Tra tutti gli alimenti considerati sani, i piu consigliati sono pesci azzurri e le uova dato che contengono vitamine fondamentali per mostrare dei capelli forti e sani (soprattutto magnesio e vitamina B12).

epiLate-blog-L-autunno-e-i -capelli-piccoli-consigli-imagini-04

2.

 

SHAMPOO: I capelli dovrebbero essere lavati 2 volte a settimana (al massimo 3 nel caso siano grassi) e bisognerebbe evitare l’acqua troppo calda e preferire temperature tiepide. In più, è consigliabile fare un piccolo massaggio (1 minuto) sul cuoio capelluto, cosí da stimolare costantemente la circolazione capillare.

3.

 

I NOSTRI OLI INTEGRALI: È un prodotto che abbiamo creato per la Skin-Care ma.. provare per crederci! Puoi utilizzarlo in due modi: riscalda un paio di gocce sulle mani e applicalo sulle punte dopo aver spazzolato i capelli, invece, per un idratazione più intensa consigliamo fare un impacco sulle punte prima dello shampoo.

Tranquilla! I tuoi capelli torneranno più forti di prima!

A tutto Fungo! curiosità e ricette sul re dell’autunno!

E’ iniziato il periodo delle piogge e con loro arrivano i primi… funghi!

L’occasione giusta per fare una bella scampagnata in compagnia di amici tra i boschi a raccogliere tutti assieme i funghi!

Ma attenzione a non prendere quelli velenosi, fateli sempre controllare da un esperto!

Per stare più tranquillo si possono direttamente comprarli al supermercato, mancherà il fattore Indiana Jones in mezzo ai boschi… ma sicuramente eviterete ansie inutili! Di funghi se ne contano tantissime varietà differenti: dai più noti porcini, ai finferli, i chiodini, gli ovuli

In Italia i funghi sono una vera e propria passione che non conosce nè stagione nè regioni!
Da nord a sud siamo addirittura il Paese europeo che ne consuma di più!

Sia che sia coltivato o selvatico sapevi che il fungo non va mai lavato?

La loro natura spugnosa, infatti, a contatto con l’acqua renderebbe il fungo mollo e difficile da cucinare!

Come pulirli allora?

Con un coltello eliminiamo la parte inferiore del gambo che presenta ancora residui di terra; con un panno umido, poi, strofiniamo la cappella del nostro fungo 🙂

Bene, ora che li abbiamo raccolti o comprati, li abbiamo pulito cosa ci resta da fare?

Cucinarli ovviamente!

Non avete idee su cosa cucinare a pranzo? Ecco alcune idee per antipasto, primo e secondo da prepare con il re dell’autunno:il fungo!

Segui le nostre tre fasi e falle diventare il tuo rituale di bellezza!Per una pelle mai sottotono.

1.

 

BRUSCHETTA AI FUNGHI: facile e veloce, farà impazzire i vostri commensali. Pochi gli ingredienti per questo aperitivo super gustoso. Gli ingredienti sono semplici: pane, cipolla, funghi e rucola. Bruschettate il pane in forno, nel frattempo appassite in padella con un filo d’olio la cipolla e i funghi.Una volta cotti salate e adagiate i funghi e la cipolla sul pane ancora caldo, finite con qualche foglia di rucola!

2.

 

RISOTTO AI FUNGHI:Un primo piatto facilissimo pronto in 30 minuti! Tagliate i porcini e uniteli in padella con olio e aglio, salate e cuocete per 4 minuti.
Tostate e cuocete il riso per circa 10 minuti con del brodo cotto precedentemente. Mantecate con una noce di burro e il parmigiano.
Terminate con una spolverata di prezzemolo tritato. Gnam!

3.

 

FUNGHI E PATATE IN PADELLA: Tagliate e sbollentate le patate, scolatele e mettetele in una grande padella con l’olio e l’aglio tagliato a metà. Cuocete per 15 minuti e unite, poi i funghi. Lasciate cuocere per altri 5 minuti, salate pepate, abbassate la fiamma e cuocete per altri 10 minuti. A fine cottura unite un po’ di prezzemolo tritato.Mescolate e servite, ottimo sia caldo che freddo!

Cosa aspetti? Corri ai fornelli!

SKIN CARE ROUTINE: 3 FASI PER UNA PELLE AL #TOP

La prima cosa che noti quando incontri una persona? Il VISO! Prediamocene cura!

Ogni giorno ci svegliamo e sappiamo che la nostra pelle andrà incontro a vento, sole, agenti schiumogeni, makeup e più che ne ha più ne metta!

Ma cosa facciamo per la nostra pelle?

Anche inconsapevolmente commettiamo tanti piccoli errori che tutti assieme contribuiscono a danneggiare la nostra pelle!

La fretta e l’abitudine ci portano ad usare una #beautyroutine che non sempre fa bene al nostro viso.

Bisogna rimetterci in riga ed adoperare le giuste accortezze per sfoggiare una pelle sempre al #top e dire addio a cuperose, punti neri e arrossamenti!

Per iniziare sbarazziamoci del superfluo!

l packaging e le super offerte ti hanno fatto acquistare flaconi su flaconi di creme ed ora sono sulla mensola a prendere polvere? Butta via quelle creme aperte da più di sei mesi e mantieni solo quelle più efficaci per il tuo tipo di pelle.
Fatto? Bene, adesso occupiamoci di curare la nostra pelle basteranno solo 10 minuti al giorno!

Segui le nostre tre fasi e falle diventare il tuo rituale di bellezza!Per una pelle mai sottotono.

Segui le nostre tre fasi e falle diventare il tuo rituale di bellezza!Per una pelle mai sottotono.

1.

 

DETERGERE: il primo passo per una buona #skincare è la detersione. Ogni giorno la nostra pelle viene a contatto con numerose sostanze.Per questo è importante detergere il viso mattina e sera, per evitare pori ostruiti e acne. Il nostro consiglio? Il Latte struccante occhi e viso con estratto di malva, olio essenziale di lavanda e olio di mandorle dolci, per un effetto disarrossante, emoliente e idratante.

2.

 

TONIFICARE: mai più senza… tonico!Grazie alla Lozione tonica azzurra otterrai un effetto tonificante, decongestionante, per una pelle sana e lucente. Quando applicarla? dopo aver lavato il viso e prima di qualsiasi crema o siero. Da picchiettare con un batuffolo di cotone e passarlo sul viso o direttamente con le mani pulite così da non sprecare neanche una goccia di prodotto!

3.

 

NUTRIRE: Ultimo step la crema! I medici la raccomandano tutto l’anno, stando attenti ad utilizzare quella più efficace per ogni tipo di pelle e per ogni stagione!Parliamo della crema scegliere quella giusta è utile a mantenere la pelle sempre idratata! La migliore in questa stagione? La nostra Crema a Idratazione profonda con Azulene, idratazione e freschezza per tutto il giorno.

ridai vita alla tua pelle!

Capelli: i tagli e i colori della prossima stagione autunno/inverno

Corto, lungo o scalato che sia ecco tutte tips da sapere per avere un hairstyle da 10 e lode!

Capelli spenti, sfibrati e maltrattati da lunghe giornate sotto il sole e acqua salata? E’ giunto il momento di darci un taglio…in tutti i sensi.

Dal carrè agli scalati, gli hairstylist sono tutti d’accordo: in fatto di tendenze hairy la lunghezza media sarà la protagonista della prossima a stagione fredda!

Basta con i tagli troppo lunghi o troppo corti, le misure meady stanno bene proprio a tutte! Smorzano i visi più spigolosi, incorniciano il volto e rendono subito più sensuali.

Via libera poi ad accessori, cerchietti in velluto, molette XXL super colorate e super brillanti e fermagli foulard super chic se in pendant con l’abito!


Ma bando alle ciance ecco i tre consigli di stile per essere le più invidiate della prossima stagione autunno inverno in materia di #hairstyle!

Ecco tre #musthave per l’autunno/inverno 2019/2020

1.

 

BALAYANGE: bye byeshatush, l’autunno porta i suoi colori anche sui capelli.
Via libera dunque col Balayange, tecnica spesso usata dalle più bionde per mantenere un effetto da perenne vacanziera.
Quest’autunno, sarà la rivincita delle more, base scura e un balayange caramello…un tocco di calore per riscaldare questi mesi freddi

2.

 

PASTEL HAIR: la pioggia ci ingrigisce, lo smog della città ci ha tolto tutta l’allegria dell’estate?Don’t panic be pastel!La #unicor mania ha colpito anche il mondo dei capelli! Ravviviamo, dunque l’inverno con le tinte pastello, dal rosa pesca al grigio ghiaccio, trandy e femminili, una chicca per le carnagioni più chiare.Per le meno coraggiose, tonalità dal miele al ramato.Per un look super instagrammabile!

3.

 

COLLABONE CUT:Sei una che non segue mai le regole e il taglio meady proprio ti va stretto?
Le tendenze in fatto di hairstyle vengono in tuo aiuto!Direttamente dal red carpet, giunge a noi il
collabone cut, un taglio asimmetrico, che lascia i capelli più lunghi avanti e più corti dietro!La vera tendenza? il taglio corto super colorato!Super fashion e super trendy

scegli il look più adatto a te.. e non aver paura di osare!

Tendenze Autunno/Inverno 2019

#GIRL POWER! Tutte le tendenze per la stagione fall/winter 2019/2020

Con le vacanze ormai alle spalle è tempo di pensare a cosa indosseremo nella prossima stagione!

Nuova stagione e nuove tendenze tutte al grido di “#girl power”. La parola d’ordine: libertà, perché ogni donna deve sentirsi a proprio agio negli abiti che indossa. Via libera, quindi a tessuti, colori e texture per esprimere al meglio la propria personalità dalla più girly a quella più sporty.

Le passerelle ci offrono qualche spunto per i capi indispensabili da tenere nel proprio guardaroba per azzardare, sì…ma con stile!

Ecco tre #musthave per l’autunno/inverno 2019/2020

1.

 

TOTAL WHITE: il bianco diventa il re dei colori della stagione. Ottimo in tutte le occasioni, dal red carpet all’ufficio, da sfoggiare rigorosamente in total look. Sì, al bianco optical per gli accessori come scarpe e borse per rendere il look ricercato e mai scontato

2.

 

TAPESTRY: per un look che non passa inosservato, si a tessuti con stampe dai colori super accesi, in pieno stile barocco quasi rococò. Perfetti in tailleur giacca pantalone super stretch e iper femminili…con cravatte e scarpe gioiello per un outfit super chic!

3.

 

FIOCCHI: chi li odia e chi li ama…dai total dress pieni di fiocchi a spille super scintillanti per arricchire cappotti e giacche! In raso, in tulle o gioiello…qualsiasi sia la loro texture rimangono un simbolo di eleganza, un dettaglio intramontabile che oggi diventa super glam!

scegli il look più adatto a te.. e non aver paura di osare!